Carichi Pendenti e Casellario Giudiziale uso estero

21/06/2018

Carichi Pendenti e Casellario Giudiziale uso estero


Capita spesso di ricevere da parte di italiani residenti all'estero o di cittadini stranieri che sono stati residenti in Italia richieste di informazioni per il certificato di carichi pendenti uso estero e del certificato casellario giudiziale uso estero. In genere il motivo per cui ci vengono richiesti chiarimenti su tali documenti è l'ottenimento di un posto di lavoro all'estero o la richiesta di un permesso di soggiorno.

Le autorità straniere, per far valere un documento emesso da autorità italiane, spesso possono richiedere alcune delle specifiche sottoelencate:

  • apostilla = è un procedimento mediante il quale un timbro particolare viene emesso sul retro o su un appendice del certificato dei carichi pendenti o del casellario giudiziale. Questo timbro attesta che la firma del funzionario che ha firmato il documento è autentica e valida. L'apposizione dell'apostilla per tali certificati è di competenza del procuratore della repubblica del circondario a cui appartiene l'ufficio giudiziario in cui è stato emesso il carichi pendenti o il casellario giudiziale. La procedura dell'apostille rende valido il documento solo nei paesi che aderiscono alla convenzione dell'Aja (L’Aja, 05/10/1961) ed è alternativa alla legalizzazione.
  • Legalizzazione = per i paesi che non aderiscono alla convenzione dell'Aja (come per esempio la Cina) si procede alla legalizzazione del certificato dei carichi pendenti e del casellario giudiziale. Tale procedimento è molto simile a quanto descritto per l'apostilla, con la differenza che quasi sempre lo stato estero di destinazione richiede un passaggio del documento presso la propria ambasciata o consolato, al fine di apporre un visto.
  • Traduzione giurata = detta anche asseverata, è il procedimento mediante il quale un traduttore iscritto all’albo dei consulenti tecnici presso il Tribunale procede alla traduzione giurata dei carichi pendenti e/o del casellario giudiziale, assumendosi le responsabilità civili e penali. La traduzione giurata si sostanzia allegando al documento un verbale di giuramento, che il traduttore esegue presso un ufficio giudiziario. La traduzione giurata può essere richiesta in abbinamento all'apostille o alla legalizzazione.

La nostra azienda vanta una pluriennale esperienza nel certificato carichi pendenti uso estero e nel casellario giudiziale uso estero. Siamo in grado di soddisfare ogni richiesta che provenga da parte degli interessati. Anche il casellario giudiziale europeo può essere fatto valere all'estero.

Inoltre siamo l'unica azienda che rende possibile lo sviluppo del certificato, l'apostilla e la traduzione giurata, in tempi record di 5/8 gg lavorativi, per i casi di particolare urgenza.