Hong Kong, la piazza ideale per il business

11/05/2016

Hong Kong, la piazza ideale per il business


Può apparire un caso strano quello di Hong Kong: l’ex colonia britannica, ormai territorio a statuto speciale che fa parte della Cina, non è un paese che prevede particolari forme di agevolazione agli investimenti provenienti dall’estero.

Tuttavia esso è da tempo diventato uno dei centri più attrattivi del globo per fare business, con migliaia di società a controllo estero che sono presenti nel paese.

Ma quali sono le ragioni di tale successo ?

Proviamo a fare un breve elenco:

  1. Apertura agli investimenti esteri senza particolari restrizioni: si può investire in quasi tutti i settori e detenere al 100% aziende ed il capitale e gli utili possono essere liberamente rimpatriatati senza controlli valutari.

  2. Leggi fiscali chiare, semplici e tassazione bassa

  3. Abbondanti e qualificati servizi legali e finanziari

  4. Lo status di porto franco di Hong Kong, con la quasi totalità delle merci in transito esenti da diritti doganali

  5. Diritto societario di impronta britannica

Tutti questi fattori si sono dimostrati strategici nell’attirare gli investimenti esteri. Inoltre Hong Kong appare oggi la piazza ideale per investire nel mercato cinese, grazie, da una parte, al CEPA (Closer Economic Partnership Arrangement), un accordo di libero scambio con la Cina che accorda vantaggi esclusivi di accesso al mercato della Cina continentale, dall’altra alla certezza del diritto che consente di gestire anche operazioni societarie straordinarie (fusioni, scissioni, mutamenti azionisti, etc) con tranquillità rispetto alle norme vigenti in Cina.

Si registra un trend sempre crescente di joint venture fra investitori esteri e aziende cinesi che stabiliscono il quartier generale e la sede legale in Hong Kong, per i motivi suesposti.

Infine non si può dimenticare di citare i vantaggi fiscali che HK offre, attraverso un sistema fiscale di impostazione semplificata e un aliquota del 16,50% sugli utili societari.

Si evidenzia che la tassazione riguarda solo gli utili prodotti in Hong Kong e non quelli provenienti dall’estero.

Si ricorda che sono disponibili visure camerali in Hong Kong e informazioni commerciali per aziende in Hong Kong.